Ti trovi qui
Home > #Nonsolosocial > LA CRISI DEL SINDACATO CONFEDERALE

LA CRISI DEL SINDACATO CONFEDERALE

di Giovanni Boccellato - Direzione Nazionale Rivoluzione Cristiana

Sulla crisi sindacale di oggi voglio esprimere il mio pensiero da ex dirigente sindacale. Oggi assistiamo spesso al solito ritornello che dice: i sindacati hanno perso di mordente,non sono più quelli di una volta, che con le loro lotte hanno migliorato le condizioni di vita e di lavoro dei lavoratori italiani.
Tutto questo è vero in parte. I sindacati confederali in'Italia gestiscono circa 300 contratti nazionali di lavoro ed anche la contrattazione aziendale! Quindi è mediante lo strumento della contrattazione che avanzano e si conquistano migliori condizioni per i lavoratori,sia normative, salariali,di diritti,carichi di lavoro, ecc..
Però a ciò, va aggiunto che da sempre la forza dei sindacati sono i lavoratori,che con la loro adesione alle Organizzazioni Sindacali e la loro disponibilità alle lotte, che tra parentesi questo diventa l'elemento determinante che da la forza al sindacato. Di conseguenza è poi il mercato ha stabilire i rapporti di forza tra le parti sociali. Una economia che tira, in forte espansione che produce ricchezza ed occupazione,favorisce i rapporti di forza verso il sindacato,che a suo tempo è suo compito distribuire la ricchezza prodotta mediante la contrattazione con la contro parte.

boccellatoAl contrario invece una economia che stagna che va in crisi,tipo la nostra crisi economica, che dura da circa 9 anni,dove (nonostante le crisi economiche siano cicliche)un mostro di questo tipo per effetti e dimensioni, non si era mai visto dal dopo guerra in poi.
Tutto questo ha prodotto un grande dissesto in tutti i settori della nostra economia: 4 milioni di disoccupati,10 milioni di famiglie a basso reddito,una giusta preoccupazione dei lavoratori per i loro posti di lavoro. Ovviamente in queste condizioni, tutte le trattative dei sindacati sono mirate alla difesa purtroppo, dell'esistente nel tentativo di limitare i danni per i lavoratori.

Tutto ciò ha determinato un certo potere per Governi e le contro parti padronali che hanno usato in un certo modo. Vedi i tagli fatti dal governo Renzi, nello statuto dei lavoratori e le modifiche peggiorative del mercato del lavoro da una parte. E dell'altra parte, un padronato che approfittando del momento di crisi a dato il via a bassi salari e grosso sfruttamento della mano d'opera,con carichi di lavoro abbastanza pesanti,anche come turni di lavoro,il tutto al limite delle regole,ed in alcuni casi in completa assenza di quest'ultimi.
Il sindacato storicamente si è sempre battuto contro questi concetti padronali; ed inoltre nella sua azione di contrattazione ha sempre portato avanti la bandiera della piena occupazione!


Articoli simili

One thought on “LA CRISI DEL SINDACATO CONFEDERALE

Lascia un commento

Su